';
Preloader logo

Premio Internazionale Lombardia è Ricerca – Giornata della Ricerca in memoria di Umberto Veronesi III Edizione

Premio Internazionale Lombardia è Ricerca – Giornata della Ricerca in memoria di Umberto Veronesi III Edizione

Innovazione e Tecnologia in scena sul palco del Teatro alla Scala di Milano.

 

Il Teatro alla Scala è il principale teatro d’opera di Milano. Considerato uno tra i più prestigiosi teatri al mondo, che ospita da più di 200 anni i principali artisti nel campo internazionale dell’opera e sede, dal 1982, anche della Filarmonica.

Il giorno 8 Novembre 2019, AFIL ha avuto il piacere di partecipare al Premio Internazionale Lombardia è Ricerca – Giornata della Ricerca in memoria di Umberto Veronesi. La manifestazione si è svolta presso il Teatro alla Scala di Milano, considerato uno tra i più prestigiosi teatri al mondo ospitando da più di 200 anni i principali artisti internazionali e sede dal 1982 delle Filarmonica.

La Giornata della Ricerca, giunta alla terza edizione, è un appuntamento molto atteso e punto di riferimento per il mondo della scienza e della ricerca.

Ricerca e Innovazione sono infatti parte del nostro presente, e rappresentano la bussola per orientare al meglio il nostro futuro.

Punto di riferimento della terza edizione è stata la persona, la possibilità di dare risposte a bisogni personali e collettivi in tema di salute e longevità, grazie allo studio di ricercatori e scienziati che hanno come obbiettivo quello di individuare soluzioni che possano migliorare la vita di tutti.

Attilio Fontana – presidente di Regione Lombardia – insieme a Paolo Veronesi – Presidente della Fondazione Umberto Veronesi, chirurgo, ricercatore e Professore Associato in Chirurgia all’Università degli Studi di Milano – ha ricordato il contributo fornito in tale senso da Umberto Veronesi: “Io credo che un premio dedicato a un grande scienziato come U.V. debba essere di grande qualità, perché ricordiamo una persona di grandissima qualità, ed è doveroso nei suoi confronti”.

L’intervento di Fontana è proseguito facendo riferimento all’impegno di Regione Lombardia a proposito della Ricerca e dell’Innovazione “Siamo assolutamente convinti che se vogliamo un futuro migliore, se vogliamo che la nostra regione continui ad essere un punto di riferimento del nostro paese, ma anche dell’Europa, dobbiamo continuare verso questa direzione […] La Lombardia deve diventare un modello esportabile e replicabile in tutto il paese”.

Fabrizio Sala, Vicepresidente di Regione Lombardia, ha illustrato i risultati ottenuti in termini di Ricerca e Innovazione da Regione Lombardia ricordando come “La Call Hub sulla ricerca e l’innovazione, 70 milioni tra fondi europei e regionali, […] Siamo rimasti a bocca aperta quando abbiamo visto la descrizione dei nostri progetti! […] Sono stati selezionati i primi 33! Ma ¼ delle aziende e dei soggetti che hanno presentato la domanda non sono lombarde, non sono italiane e apriranno una sede in Lombardia per iniziare a ricercare, sperimentare, innovare e produrre!”.

Tantissimi gli ospiti di eccezione, che hanno regalato momenti magici e spunti di riflessione. Raphael Gualazzi, cantautore e pianista italiano, che insieme a Edoardo Zosi, violinista e docente di violino al Conservatorio “E.R.Duni” di Matera, hanno aperto la Giornata della Ricerca con il loro talento e la loro musica.

Tra gli altri ospiti il neurobiologo Stefano Mancuso, fondatore della neurobiologia vegetale, Professore presso l’Università di Firenze; Salvatore Aranzulla, il più grande divulgatore informatico italiano, propietario di uno dei 30 siti più visitati in Italia (con 600 000 visite al giorno); Giacomo Poretti, comico di successo con il trio “Aldo Giovanni e Giacomo” ma anche attore e scrittore. La giornata ha visto inoltre la partecipazione di Alessia Ventura, Massimo Sideri e Gerry Scotti come presentatori dell’evento.

L’evento si è concluso con la premiazione del ricercatore,medico-biologo cellulare Guido Kroemer come vincitore dell’edizione 2019 del Premio Internazionale “Lombardia è Ricerca”. La Giuria internazionale ha premiato la sua scoperta sulla restrizione calorica come fattore chiave per aumentare la longevità, mantenendo l’organismo in salute.

Il riconoscimento promosso da Regione Lombardia ha assegnato al vincitore 1 milione di euro come  migliorescoperta scientifica nell’ambito delle Scienze della Vita. Il ricercatore ha sviluppato il concetto dei “caloric restriction mimetics” (CRMs), identificando e caratterizzando sostanze naturali o farmacologiche capaci d’indurre l’autofagia per combattere l’invecchiamento cardiovascolare e rinforzare l’immunità antitumorale.

“Con questo riconoscimento premiamo una scoperta di rilevanza mondiale che genera un concreto impatto sul miglioramento della vita dei cittadini in termini di invecchiamento in salute”, ha aggiunto il Vicepresidente Sala.

Sala ha poi concluso, congratulandosi con il vincitore Guido Kroemer :“Uno degli obiettivi di questo Premio è anche che i centri di ricerca e le attività mediche lombarde possano istituire duraturi rapporti di collaborazione e interazione scientifica con il vincitore. Per questo la Giuria ha stabilito che il Premio debba essere destinato per almeno il 70% a implementare l’attività di ricerca in collaborazione con i centri di eccellenza della Lombardia”.

Innovazione e Ricerca fanno parte del nostro presente, ci orientano nelle nostre scelte e nelle nostre abitudini. Tutto ciò non nasce da pretese di alcun tipo, ma dalla necessità di dare risposta ai bisogni personali e collettivi per rendere più semplice la vita delle persone una scoperta alla volta.

afiladmin