';
Preloader logo

Bando ESA “Space in response to COVID19 outbreak”

Bando ESA “Space in response to COVID19 outbreak”

Sperimentazione di progetti dimostrativi di tecnologie spaziali per il contenimento, monitoraggio e contrasto della pandemia.

Il bando è stato proposto dall’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), in accordo con l’Agenzia Spaziale Europea (ESA), il Ministro per l’Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione (MID) e il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio. L’ASI ha già garantito ufficialmente a ESA l’autorizzazione al finanziamento dei progetti italiani per 2,5 milioni di euro di cui 1,5 milioni nel settore della salute ed 1 milione per l’educazione a distanza (e-learning, e-training).

 

Dotazione finanziaria:

Budget massimo per singola proposta progettuale di  1,5 milioni € nel settore della salute ed 1 milione € per l’educazione a distanza (e-learning, e-training). L’ESA sosterrà fino al 50% dei costi ammissibili (fino ad un massimo di 1 milione di euro). Il restante ammontare deve essere coperto dall’offerente e/o dall’utilizzatore del servizio attraverso finanziamenti diretti o indiretti provenienti dal settore privato. Se il proponente è una MPMI il progetto sarà finanziato fino all’80% dall’Agenzia. Possono presentare progetti sia consorzi sia singole imprese.

 

Progetti Finanziabili:

I progetti devono:

  • Rispondere a necessità e bisogni concreti della comunità internazionale in relazione alla pandemia COVID-19 nel breve/medio periodo;
  • Essere pertinenti ai settori salute ed educazione;
  • Essere sostenibili e avere un impatto nel lungo periodo;
  • Avere un impatto socio-economico misurabile;
  • Includere una dimostrazione pilota in Italia.

Gli obiettivi sono:

  • Supportare i cittadini italiani e i professionisti dei settori della salute e dell’educazione nell’affrontare la situazione d’emergenza provocata dal COVID-19;
  • Sostenere lo sviluppo e l’adozione nei settori proposti di servizi che aiutino la popolazione italiana a reagire all’emergenza;
  • Dimostrare i benefici derivanti dall’utilizzo combinato della tecnologia spaziale e di altre tecnologie innovative in questa circostanza eccezionale;
  • Dare l’opportunità agli operatori economici di sviluppare progetti concreti ed efficaci basati sul settore spaziale a beneficio di cittadini, istituzioni locali e imprese.

Requisito obbligatorio per la partecipazione è che la proposta preveda l’utilizzo di almeno 1 asset spaziale.

 

Tempistiche:

I soggetti interessati devono fare domanda dal 31 marzo al 20 aprile (ore 13).

afiladmin